Le Console Portatili Nintendo

Quando si tratta di console portatili, nessuno è mai riuscito a eguagliare il successo di Nintendo. Anche se Sony, Sega e Atari ci hanno provato in passato, nessuno sembra avere la stessa durata nel tempo e l’ampio appeal delle offerte della società con sede a Kyoto. Pur avendo commesso alcuni errori nel mercato delle console portatili nel corso degli anni, Nintendo ha goduto anche di un successo travolgente, con alcune delle loro console portatili che sono diventate tra le più vendute di tutti i tempi, comprese le console domestiche. La tradizione delle console portatili di Nintendo è estremamente vasta e mostra quanto abbiano prioritizzato il gioco “on the go”.

Con l’avvento della Switch e la popolarità dei telefoni cellulari, molte persone ritengono che una console strettamente portatile non abbia più spazio sul mercato. Questo è vero in parte, con molti grandi attori del mercato che si concentrano su offerte di console domestiche anziché creare una loro console portatile. Mentre alcune persone potrebbero comprensibilmente non essere felici di questa evoluzione, l’esistenza della Switch significa che le console portatili di Nintendo hanno ancora un mercato là fuori, e i fan non vedono l’ora di scoprire cosa Nintendo proporrà per la loro console più recente. Dato quanto è stato un disastro la Wii U, la maggior parte delle persone pensa che Nintendo opterà per una strada più sicura questa volta e proporrà una Switch 2 o qualcosa di simile… ma solo il tempo dirà se questa sarà la strada da seguire.

Nintendo è diventata uno dei principali attori dell’industria dei videogiochi e continua ad essere oggetto di discussioni ancora oggi, nonostante concorrenti come PlayStation e Xbox spingano i limiti tecnici delle loro console verso nuove vette e sembrino lasciare Nintendo alle spalle. Tuttavia, la qualità delle esclusive di Nintendo ha ampiamente compensato la mancanza di hardware potente, dimostrando che i giochi non hanno bisogno di grafica fotorealistica per essere godibili.

Indice

Game & Watch

Sebbene la serie di giochi Game & Watch non sia ciò che la maggior parte delle persone chiamerebbe tradizionalmente console portatili, sono portatili e sono videogiochi. I giochi sono su display LCD segmentati di base con sovrapposizioni pre-stampate, simili ai Tamagotchi.

Nintendo ha iniziato a creare la serie Game & Watch nel 1980, anticipando il Nintendo Entertainment System. Hanno continuato a produrre Game & Watch fino al 1991, lo stesso anno in cui è stata rilasciata la Super Nintendo.

I primi giochi Game & Watch presentano Mr. Game & Watch, diventato ora un elemento fisso di Super Smash Bros., ma le versioni successive hanno personaggi popolari come Link de La leggenda di Zelda e Mario di Super Mario Bros.

Game Boy

Il Game Boy, rilasciato nel 1989, è stata la prima console portatile di Nintendo con cartucce intercambiabili. Mentre molti giochi sul sistema erano porting semplificati da Nintendo Entertainment System o Super Nintendo, il sistema è stato arricchito da molti giochi esclusivi creati appositamente per esso.

La console ha avuto la durata più lunga di qualsiasi altra console Nintendo, è durata 9 anni prima di essere sostituita dal Game Boy Color. La console ha visto alcune revisioni come il Game Boy Pocket, che ha reso la console più piccola, e il Game Boy Light, un’esclusiva giapponese che ha aggiunto una retroilluminazione molto necessaria alla console.

Game Boy Color

Il Game Boy Color, rilasciato nel 1998, è spesso associato al Game Boy originale; tuttavia, il Color aggiunge più potenza di elaborazione oltre a una grafica a colori, consentendo giochi graficamente superiori.

Dall’inizio, il Game Boy Color è stato proposto in una varietà di colori, tra cui verde lime, viola uva, trasparente viola atomico e altri. Ci sono stati molti giochi esclusivi per il Game Boy Color, con le loro cartucce che presentavano una curva convessa per evitare che fossero inserite in un Game Boy originale, causando possibili danni.

Nintendo Switch OLED

La Nintendo Switch potrebbe essere una grande console, ma c’erano persone che desideravano un’aggiornamento da molto tempo. Dopo tutto, la console aveva goduto di una lunga durata e non sarebbe stato strano che l’azienda lanciasse finalmente una console migliore, che fosse la Switch 2 o altro.

Invece, Nintendo ha deciso di rilasciare una versione migliorata della Switch con uno schermo OLED, un aggiornamento che molti giocatori hanno apprezzato. La console aveva un aspetto elegante, ma ancora eseguiva hardware datato al momento del rilascio, rendendo difficile giustificare l’acquisto a meno che i giocatori non fossero disperati per un miglioramento della qualità della loro esperienza di gioco portatile.

Nintendo DSi

Il Nintendo DSi è stato un upgrade per una console portatile leggendaria che è stato positivamente apprezzato da tutti, anche se c’erano comunque persone non disposte a abbandonare il loro amato DS per questo aggiornamento. Tuttavia, il DSi ha giustificato ampiamente questa spesa con i suoi contenuti esclusivi scaricabili DSiWare, uno schermo più grande e una necessaria fessura per la scheda SD!

Sebbene questa console abbia perso la capacità di caricare e riprodurre giochi GBA, è stato un piccolo prezzo da pagare per una console portatile più facile da tenere e giocare. Tuttavia, in termini di impatto culturale complessivo e rilevanza, non regge minimamente il confronto con il leggendario Nintendo DS.

Nintendo DSi XL

Dato il lascito del Nintendo DS, era inevitabile che la console ricevesse un sostanziale upgrade con l’avvento del Nintendo DSi. Tuttavia, non è stata l’unica variante di questa console a uscire, con i fan che hanno avuto il piacere di una versione più grande che rendeva i giochi su questa console migliori che mai.

Il Nintendo DSi XL è il perfetto esempio del perché più grande è meglio. I giocatori potevano godere dei giochi su uno schermo più grande, il che compensava ampiamente il peso aggiunto su questa console. Chiunque possedesse questa console può confermare che il vasto repertorio di giochi del DS si sentiva semplicemente migliore da giocare su questo schermo potenziato.

Nintendo 2DS

Dopo che il 3DS si rivelò un successo travolgente e aiutò Nintendo a rimanere a galla mentre affrontava il disastroso lancio del Wii U, l’azienda si rese conto che doveva mantenere i propri fan delle console portatili il più felici possibile. Ciò significava che le versioni aggiornate delle stesse console dovevano essere perfette, e il 2DS rientrava sicuramente in questa categoria.

Dopotutto, la maggior parte delle persone a malapena si preoccupava di utilizzare la funzione 3D di questa console, che era un’idea interessante ma sembrava strana da usare e non aveva davvero l’impatto desiderato la metà delle volte. Quindi, è stata una decisione ovvia e un colpo di genio che Nintendo ha deciso di rilasciare una variante più economica di questa console portatile che eliminava la capacità di proiettare immagini 3D, ma conservava tutte le altre qualità che ci si aspetterebbero da una nuova console portatile Nintendo.

Game Boy Advance

Affettuosamente chiamato il Super Nintendo portatile, il Game Boy Advance, rilasciato nel 2001, ha un processore a 32 bit in grado di produrre grafica simile o addirittura migliore rispetto a quella della seconda console di Nintendo.

Il Game Boy Advance, come molte console portatili Nintendo, ha visto molte revisioni nel corso degli anni. La prima è stata il Game Boy Advance SP, che presenta un design a conchiglia con uno schermo retroilluminato – poi c’è stato il Game Boy Micro, incredibilmente piccolo e incapace di riprodurre giochi Game Boy o Game Boy Color.

Nintendo 3DS

Il Nintendo 3DS, rilasciato nel 2011, ha avuto un inizio molto difficile. Inizialmente, il prezzo era troppo elevato per molti consumatori e la lineup di lancio era insoddisfacente. Tuttavia, Nintendo ha rapidamente abbassato il prezzo e offerto giochi scaricabili gratuiti per coloro che li hanno acquistati prima della riduzione dei prezzi. Nel tempo, dopo il rilascio di molti ottimi giochi, la console portatile è diventata incredibilmente di successo.

Il Nintendo 3DS ha, come il nome suggerisce, funzionalità 3D senza occhiali oltre a funzionalità di realtà aumentata. Il 3DS è stato seguito dal 3DS XL, e i fan hanno amato la console anche se l’intero aspetto dinamico del 3D sembrava più un trucco che altro.

New Nintendo 3DS

Il Nintendo 3DS è responsabile da solo di mantenere Nintendo a galla dopo il disastroso lancio del Wii U, quindi era inevitabile che si sarebbero sforzati di migliorare questa console il più possibile per mantenerla rilevante per le masse. Il 3DS aveva una vasta libreria di ottimi giochi, e l’azienda ha deciso di rendere questa console il più attraente possibile lanciando una nuova variante con miglioramenti su tutti i fronti.

Ciò ha portato al lancio del New Nintendo 3DS, che includeva un nuovo C-Stick, pulsanti di sparo, RAM potenziata, rilevamento del viso, processori migliori e una serie di altri miglioramenti per rendere i giochi fluidi ed emozionanti. È stato un passo nella giusta direzione, con molte persone che hanno apprezzato il New Nintendo 3DS e lo considerano un degno upgrade rispetto al suo predecessore.

Game Boy Advance SP

Il Game Boy Advance è stata una console portatile rivoluzionaria per Nintendo, ed è facile capire perché hanno deciso di lanciare una variante migliorata della console che sembrava molto più intuitiva e divertente da giocare. Lo schermo retroilluminato del Game Boy Advance SP significava che i giocatori non dovevano più lottare in condizioni di illuminazione non ideali, rendendo molto più facile giocare ai giochi sulla console.

Il nuovo design a conchiglia è stato anche apprezzato per essere un miglioramento significativo rispetto al layout piatto dell’originale e ha potenzialmente aperto la strada al design iconico del DS che tutti conoscono e amano. Tuttavia, l’assenza di una presa per cuffie è stata lamentata dalle masse, anche se questo era un piccolo prezzo da pagare per quello che era altrimenti una grande console in ogni modo.

Nintendo Switch

Sebbene possa sembrare ingiusto mettere la Nintendo Switch a confronto con le altre console solo portatili di Nintendo, il fatto è che è una macchina portatile. La Nintendo Switch, rilasciata nel 2017, unisce il gioco su console e portatile in un’unica console. I giocatori possono giocare allo stesso gioco che stanno giocando in televisione anche in movimento; un trucco che ha cambiato il modo in cui molti vedono il gioco portatile. Il sistema ha anche visto una versione solo portatile della console, la Nintendo Switch Lite, venduta a un prezzo ridotto.

Solo il tempo dirà se Nintendo rilascerà mai di nuovo una console strettamente portatile, con questo sistema rivoluzionario in ogni modo e che uccide due piccioni con una fava. Tuttavia, se c’è una cosa di cui i fan possono essere certi, è che l’azienda continuerà a far evolvere il gioco portatile, proprio come ha fatto innumerevoli altre volte in passato.

Nintendo DS

Inizialmente, il Nintendo DS, rilasciato nel 2004, non doveva sostituire la linea Game Boy e dovrebbe essere invece una linea separata di console poiché Nintendo non era sicura del successo della console. La forma del DS si è ispirata ai vecchi Game & Watch che avevano anche due schermi in un design a conchiglia.

Il Nintendo DS è stato incredibilmente di successo ed è una delle console più vendute di tutti i tempi. È stato seguito dal DS Lite, che presentava un design più sottile, e dal DSi, che aveva funzionalità online.